e poi il silenzio

e poi il silenzio che ad ascoltarlonon ci si abitua e poi le foglieche a vederle muoversida distante si sente il fruscio e poi l’ariadall’odore frizzantechiudi gli occhi e sorridi quando la respiri e poi il cieloche azzurro cosìnon lo avevi visto mai e poi i colombiche a Piazza Bra brucano le poche briciole ancora…

Continua a leggere

Le (mie) dieci parole che sto (ri)apprendendo. Nell’emergenza.

E’ un periodo non sprecato nel traffico, o compresso da corse frenetiche, o dall’immancabile questo e quest’altro. E’ in un silenzio surreale che mi sto accorgendo del reale significato di alcune parole che quotidianamente usavo ma che ora mi paiono diverse, profondamente diverse. Perché, sempre, in una situazione di emergenza e critica si va al…

Continua a leggere